Campania

CASERTA

CORONAVIRUS - MODULO PER LA RICHIESTA DEI BUONI SPESA 31-03-2020 -

Modulo per la richiesta dei buoni spesa di cui all'Ordinanza del capo Dipartimento della Protezione Civile n. 658 del 29/03/2020, approvato con determinazione dirigenziale n. 476 del 31/03/2020.Il modulo, debitamente compilato in tutte le sue parti e firmato, completo di copia del documento di riconoscimento in corso di validità, dovrà essere inviato esclusivamente al seguente indirizzo email:richiesta.buoni.spesa@comune.caserta.itN.B.: La domanda di accesso al beneficio può essere presentata ENTRO LE ORE 14,00 DEL 06 APRILE 2020, solo da uno dei componenti del nucleo familiare.


Link:

https://www.comune.caserta.it/archivio10_notizie-e-comunicati_0_2086.html

AVERSA (CASERTA)

Aversa (Caserta) - Via libera alla convenzione con il Banco Alimentare per dare un aiuto concreto alle famiglie messe in grande difficoltà dall'emergenza Coronavirus. Nella serata di ieri, la Giunta comunale della città di Aversa ha approvato la delibera, proposta dall'assessore alle Politiche Sociali, Ciro Tarantino, con cui si dà il via libera alla convenzione con il Banco Alimentare attraverso cui si provvederà alla distribuzione di 300 pacchi alimentari nei mesi di aprile e maggio e di 200 pacchi alimentari da giugno 2020 fino a dicembre 2021.

BANCO ALIMENTARE PER LA CAMPANIA

All'emergenza sanitaria si unisce anche quella alimentare. I Comuni fronteggiano anche questo problema e hanno nel Banco Alimentare Campania onlus, struttura di riferimento regionale che opera a Fisciano, il loro riferimento. Un aumento esponenziale frutto della necessità di restare a casa, ma anche dell'impossibilità di andare a lavorare per sostenersi. È l'altra faccia di questo momento, una faccia non secondaria che attiene al reperimento del cibo da parte di chi è precario, di chi vive con lavori saltuari. Di chi non ha reddito di cittadinanza. A es- sersi aggiunte a quanti già vivevano dei bisogni, sono dunque migliaia di famiglie che in tempi normali riescono a sbarcare il lunario con lavoretti che adesso non esistono più. «Riceviamo richieste da ogni parte - dice il direttore del Banco alimentare, Roberto Tuorto - Stiamo praticamente lavorando il doppio, anche con Comuni che solitamente non aiutiamo». In tutta la Campania il Banco Alimentare serve complessivamente 200mila persone, normalmente erano 150 mila. Di queste 70mila sono salernitane, rispetto alle 47mila seguite prima dell'emergenza. Da questo grande centro di smistamento riescono a evadere richieste anche fi- no a 5mila pacchi. Un lavoro enorme dei volontari che inizia alle 7 di mattina e finisce a sera tardi. È la grande rete del volontariato, che nell'ordinanza n.13 della Regione ha trovato spazio con una specifica autorizzazione a operare, per affiancare tutta la macchina organizzativa di questa maledetta emergenza. Il pacco è settimanale è standard, con tutto il necessario, tutti viveri fondamentali, a cui si aggiungono degli extra se ci sono bambini. «Abbiamo tanto lavoro che spesso non riusciamo a confezionare il pacco e diamo ai Comuni la spesa con una scheda perché possano mettere loro direttamente nelle buste gli alimenti per le famiglie - continua Tuorto - Abbiamo il 30% in meno di volontari, perché gli ultra-settantenni, i pensionati che tanto ci danno una mano, ora sono a casa per la loro sicurezza»

Link:

https://www.bancoalimentare.it/it/node/5263