CARDO MARIANO (SILYBUM MARIANUM)

 UNA STUPENDA VARIETÀ DI CARDO MARIANO. FAMIGLIA COMPOSITE TUBULIFLORE, È UNA PIANTA ERBACEA CHE PUÒ RAGGIUNGERE ANCHE I 2 METRI DI ALTEZZA. SOLITAMENTE SI CONSUMANO LE COSTE, OTTIME LESSATE, DAL SAPORE CHE RICORDA IL CARCIOFO DEL QUALE CONDIVIDE LA STESSA FAMIGLIA BOTANICA.ALTRE VARIETÀ DI CARDO VENGONO COLTIVATE, ESISTE LA VARIETÀ BOLOGNA SENZA SPINE. IL CARDO È MEGLIO CONOSCIUTO COME CARCIOFO SELVATICO

STORIA:

VIENE USATO FIN DALLA PREISTORIA, LA LEGGENDA VUOLE CHE SULLE FOGLIE DEL CARDO SAREBBERO CADUTE GOCCE DEL LATTE DELLA MADONNA, MENTRE NASCONDEVA IL BAMBINO GESÙ, DURANTE LA FUGA IN EGITTO. DA QUI DERIVA IL NOME "MARIANO".

LA SILIMARINA E 'IL PRINCIPIO ATTIVO CHE SI TROVA NEI FRUTTI.

DA STUDI APPROFONDITI, SI È CONFERMATA PIU' VOLTE, L'ATTIVITÀ EPATOPROTETTRICE E ANTIEPATOTOSSICA CHE ANTICHI TRATTATI CI AVEVANO GIÀ ANTICIPATO IN PASSATO.

PROPRIETA' E CARATTERISTICHE:

ANTIDOTO PER AVVELENAMENTO DA FUNGO "AMMANITA PHALLOIDES";

FEGATO PROTETTORE DURANTE LE TERAPIE CHE POSSONO DANNEGGIARE IL FEGATO;

PROTEZIONE SOLARE E ANTIRUGHE (UTILIZZATA NELLE CREME CORPO);

PREPARAZIONE TISANA:

I FRUTTI RACCOLTI A SETTEMBRE, QUANDO LA PIANTA E' SECCA, VENGONO UTILIZZATI PER LA PREPARAZIONE DI TISANE, PREVIA EBOLLIZIONE, DAI 3 AI 5 MINUTI E CIRCA 15-20 MINUTI DI RIPOSO.